lunedì 4 giugno 2012

36) Racconto: The others children

The others children
di Annalisa Caravante
Creatura: Alieni


RACCONTO CHE HA PARTECIPATO AL CONCORSO DI RACCONTI BREVI GENERE FANTASY INDETTO DA QUESTO BLOG NELL'APRILE 2012

26 commenti:

  1. Annalisa complimentoni!!!!! Un racconto molto bello e divertente!!!!

    Thomas :)

    RispondiElimina
  2. Questo racconto ti cattura fin da subito. Il messaggio che trasmette,è quello di avere fiducia perchè, nonostante la vita ci metta davanti il dolore e la sofferenza,alla fine ci riserva la sospirata felicità. La morale è proprio questa:il tempo restituisce basta aspettare.

    RispondiElimina
  3. Racconto molto coinvolgente e scorrevole, le dettagliate descrizioni consentono di vivere le situazioni narrate sulla propria pelle. Ottimo lavoro!

    RispondiElimina
  4. Ciao, bel lavoro complimenti ^^
    Daniele

    RispondiElimina
  5. Sembra quasi di vivere ogni attimo, leggi e sei li dal primo attimo fino a guardare quel cielo con quella magica e candida luna che splendeva...
    COMPLIMENTI VIVISSIMI ALL'AUTRICE!!!

    RispondiElimina
  6. wow... :) bellissimo!! complimenti!!Diego

    RispondiElimina
  7. Stupendo *--* Bravissima <3

    RispondiElimina
  8. Complimenti cara!! SMACK

    RispondiElimina
  9. Brava Annalì! bello!
    Domenico

    RispondiElimina
  10. Annalisa Caravante con questa sua opera descrive un ambiente alieno completamente diverso dai soliti ambienti alieni dove si trovano sempre, o quasi, creature con teste giganti con tre o quattro dita e che hanno un occhio solo, magari con un corpo sottile come una canna di bambù e una voce metalizzata...che vanno girando con navicelle spaziali a forma di gigante ciambella... trovo, dunque, molto originale la descrizione dell'ambiente, una scorrevole lettura del testo con una storia "umana" dove è vivo con uno spiccato senso della realtà... Ciao Carlo

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti. Siete fantastici.
    Annalisa

    RispondiElimina
  12. Inizialmente sembra la solita storia di stampo horror...invece poi si scopre che è qualcosa di totalmente diverso!
    Lo stile invoglia la lettura e regala momenti sia di riflessione che divertenti. Inoltre trasmette un grande messaggio di speranza.


    Complimenti Annalisa,
    Cloe

    RispondiElimina
  13. ahahahhaaaaaaaaaaaaaaaaaaa fantasticooooooo *____________*
    non amo il genere solitamente ma questo è bellissimo!

    RispondiElimina
  14. come sempre bravissima bel racconto
    Angela

    RispondiElimina
  15. Alexander Shadow13 giugno 2012 11:41

    Dunque, indubbiamente scorre e ci troviamo davanti a un'ambientazione ben pensata. A mio avviso l'inizio magari da troppe spiegazioni (potevi tranquillamente mostrare tutto questo in modo dinamico facendo girare i due fratelli per il villaggio). I dialoghi sono simpatici, magari un pò troppo "veloci" in certi punti (avresti potuto giocare di più sul rapporto fra i due, magari mostrando il passato della ragazza dalle sue azioni, facendolo intuire al lettore) ma comunque molto bello. Mi è piaciuto il fatto che i due passassero la notte insieme, lanciando un bel messaggio di speranza. Più che altro non mi è molto chiaro come il fratello del protagonista avesse preso il potere e perchè non hai scelto direttamente il suo punto di vista. Ad ogni modo come primo tentativo nel campo fantasy non è affatto male! Complimenti ;)

    RispondiElimina
  16. Ho lasciato che fosse il fratello a raccontare la storia prima di tutto per le battute "di spirito" che altrimenti non avrebbero avuto modo di esistere :-D (In quanto Ankel non è tipo che gioca) e poi perché mi serviva una persona esterna al personaggio che guardasse il carattere del protagonista in modo oggettivo. Ankel era così pieno di rabbia che non poteva dirsi da solo che esagerava. Gli others hanno preso il controllo del villaggio quando il paese è stato attaccato dagli alieni, avendo dei poteri, essi lo hanno salvato e colto l'occasione per togliere il sindaco da mezzo. La velocità dei dialoghi e della presentazione di Alice è dovuta, come sai, dalla quantità dei caratteri a disposizione. Alla fine bisogna fare delle scelte per far rientrare l'indispensabile. Le descrizioni iniziali le ho fatte perché mi piace che il lettore sappia dove si muovono i personaggi. Grazie Alexander.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dimenticato la firma. Anche se si capisce, specifico che a scrivere il messaggio sopra sono io, Annalisa.

      Elimina
  17. Wow!!! Ricollegandomi ad un commento giá fatto, questo racconto riesce a trasportare fin dal primo momento, catapultandoti in un vero e proprio clima surreale e FANTASTICO, in tutti i sensi. Con un testo che permette una lettura molto scorrevole e grazie a una quantità enorme di dettagli che raccontano le scene in ogni minimo particolare, si riesce ad avere la vera sensazione di essere presenti li e riuscire a vivere dal vivo ogni situazione, è qualcosa di davvero meraviglioso. A mio parere tutti i racconti, soprattutto questi di genere fantastico dovrebbero avere queste caratteristiche, devono avere le capacità di distaccare la mente dalla realtà portandola in un'altra dimensione, e questo racconto ci riesce al 110%. Sicuramente uno dei migliori racconti che abbia mai letto!!! COMPLIMENTONI Annalisa!!!

    Antonio

    RispondiElimina
  18. Complimenti!!! ;-))) Non sapevamo di queste tue doti di scrittrice!! Wow!

    RispondiElimina
  19. Mah, non condivido tutto questo entusiasmo, mi dispiace. Io l'ho trovato un racconto piuttosto elementare. Dei ragazzini che si fanno i dispetti l'un l'altro in maniera neanche troppo intelligente. Scusate!
    Andrea

    RispondiElimina
  20. Il racconto mi è piaciuto, avrei voluto capire più cose su come il fratello del protagonista ha preso il potere e alcuni elementi della trama mi hanno dato la sensazione di ... "già visto".
    In ogni caso è un bel racconto, scorrevole e piacevole da leggere. Complimenti!

    RispondiElimina
  21. Bel racconto, scritto bene difficilmente mi piacciono i racconti sugli alieni ma mi sono dovuta ricredere. Il rapporto che c'è tra i due fratelli è descritto benissimo.

    RispondiElimina
  22. Nella stesura originale avevo messo più dettagli, ma purtroppo ho dovuto tagliare molte cose perché ero andata oltre i 12000 caratteri.
    Annalisa

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...