mercoledì 8 febbraio 2012

Genere Distopico

Il genere distopico


Il genere distopico è un genere letterario che va di moda ultimamente, tra gli amanti dell'urban fantasy. Non è un genere del tutto nuovo, visto che le sue radici risalgono a quelle della fantascienza post apocalittica di alcuni anni fa, anche se con alcune modifiche.

Iniziamo con l'analizzare il termine, distopia è l'opposto di utopia (intesa come il luogo dove tutto è come dovrebbe essere) e con esso si intende una società indesiderabile, spesso ambientata nel futuro, nella quale le tendenze sociali sono portate ad estremi apocalittici. In queste eventuali società future il potere delle autorità (potere dello stato, religioso, tecnologico ecc) pretende di controllare ogni aspetto della vita umana oppure sono le catastrofi globali (per lo più causate dall'uomo stesso) a distruggere l'equilibrio del vivere civile, o ancora ci si può trovare in una via di mezzo (dove la società ancora resiste, ma è sul punto di crollare).

Di solito è presente una società gerarchica, in cui le divisioni fra le classi sociali sono rigide, lo stato convince tutti che quello stile di vita è l'unico possibile. Nessuno si ribella, e chi lo fa viene punito duramente. Il mondo al di fuori dello stato fa paura, agenzie paramilitari o l'utilizzo di tecnologie permette di controllare tutti i cittadini, in modo che non escano fuori da questo schema di vita. Se invece la società non esiste più, le relazioni umane si riducano alla semplice sopravvivenza individuale e i gruppi di uomini esistono solo in forme primitive e anche il livello tecnologico si è ridotto. In entrambi i casi la natura è ridotta ai minimi termini, a causa dell'operato negativo dell'uomo.

A tutto ciò nei nuovi romanzi distopici dei giorni nostri, si aggiungono elementi più soft, come l'amore tra i protagonisti (o addirittura anche triangoli amorosi) e quindi una buona componente romance. Questi romanzi a volte possono essere indirizzati ad un pubblico di young-adult (un pubblico giovane) e anche i protagonisti stessi possono essere dei ragazzi molto giovani.


Di questo filone alcuni esempi sono:


Dentro Jenna di Mary E. Pearson (2011), in cui la protagonista Jenna 17 anni, dopo un anno di coma si risveglia in un corpo e in un presente che stenta a riconoscere, assetata di verità la ragazza cerca di riappropiarsi della sua vita passata e capisce di essere prigioniera di un terribile segreto.

The Giver, Il donatore di Lois Lowry (1993, in Italia 2010) in cui il protagonista Jonas di 12 anni vive in un mondo apparentemente perfetto. Nella sua società non ci sono più guerre, differenze sociali o sofferenze. Tutto ciò che può causare dolore è stato abolito, compresi gli impulsi sessuali, le stagioni e i colori. Tutti si adeguano al modello prestabilito, ogni unità familiare è formata da un uomo e una donna a cui vengono assegnati un figlio maschio e una femmina. Ogni membro della società svolge la professione che gli viene affidata dal Consiglio degli Anziani nella cerimonia annuale di dicembre e per Jonas è arrivato quel momento.

Picabo Swayne di Alessandro Gatti e Manuela Salvi (2011) Esempio di distopico young adult italiano. A Coldbay, città del futuro in cui il governo controlla l’esistenza dei cittadini, la quindicenne Picabo Swayne ha un segreto: una misteriosa macchina fotografica che le permette di vedere il passato. Red Bricks, detto anche ‘Quartiere Vecchio’, non è solo il cuore di Coldbay e l’unico angolo rimasto umano nella grigia città, ma anche la casa di Picabo: da quando sua madre è scomparsa misteriosamente, come molti altri adulti di Coldbay, Picabo vive sola, in mezzo agli artisti e ai ribelli contrari allo stile di vita imposto dal governo. Qualcuno però vorrebbe tanto mettere le mani sulla macchina di Picabo. Sarà l’inizio di una serie di scoperte sconvolgenti.

Matched di Ally Condie (2011), è il primo volume di una pianificata trilogia distopica young adult. Immaginate un mondo dove non esiste scelta. Un mondo in cui ogni passaggio della vita viene scandito e orchestrato della Società. Un mondo dove l’amore è stato ridotto a una semplice unione di individui geneticamente compatibili, in grado di creare una progenie perfettamente in salute, priva di difetti. A diciassette anni una cerimonia vi assegnerà il vostro compagno ideale, a ventuno vi sposerete e al compimento degli ottanta anni, non un giorno di più, una morte felice e tranquilla vi rimuoverà da una Società alla quale non siete più utili. Questo è il mondo di Matched in cui vive la protagonista Cassia Maria Reyes di 17 anni.

Unwind, La Divisione di Neal Shusterman (2010) La seconda guerra Civile, che passò alla storia come la Guerra Morale, fu un conflitto lungo e sanguinoso, combattuto negli Stati Uniti su un'unica questione: l'accettazione o meno dell'aborto. Per mettervi fine, venne approvata una serie di emendamenti nota come Legge sulla Vita, che accontentò sia lo schieramento abortista, sia quello antiabortista. La Legge stabilisce che la vita umana è intoccabile dal momento del concepimento fino a quando un bambino compie tredici anni. Fra i tredici e i diciotto, però, i genitori possono decidere di abortire in modo retroattivo a condizione che, tecnicamente, la vita dell'adolescente non finisca. A questo scopo, tutti gli organi del ragazzo verranno impiantati in persone in attesa di trapianto, le quali manterranno una memoria del donatore. Il processo tramite cui il ragazzo viene allo stesso tempo eliminato e tenuto vivo si chiama Divisione. È una pratica largamente accettata dalla società. Connor ha sedici anni, Lev tredici e Risa quindici. Tutti e tre hanno uno stesso destino: essere Divisi. Tutti e tre vogliono sfuggire a questo destino, e sono pronti a combattere.

Delirium di Lauren Oliver (2011) E' il primo volume di una pianificata trilogia YA ambientata in un futuro distopico. Nel futuro in cui vive Lena, l’amore è una malattia, causa presunta di guerre, follia e ribellione. È per questo che gli scienziati sottopongono tutti coloro che compiono diciotto anni a un’operazione che li priva della possibilità di innamorarsi. Lena non vede l’ora di essere “curata”, smettendo così di temere di ammalarsi e cominciare la vita serena che è stata decisa per lei. Ma mancano novantacinque giorni all’operazione e, mentre viene sottoposta a tutti gli esami necessari, a Lena capita l’impensabile. Si infetta: si innamora di Alex.

Beauty La Trilogia di Scott Westerfeld (2011) serie distopica YA. Tally è Brutta. Tally è Perfetta. Tally è Speciale. Nel suo mondo si è Brutti fino all'adolescenza. Brutti... normali, con le imperfezioni e i difetti di tutti. Ma i Brutti sono considerati ordinari, volgari, disgustosi, indecenti. E non desiderano altro che diventare Perfetti. Tally ama le imperfezioni della normalità. Le sorprese dell'amicizia. Gli imprevisti della libertà. Accade al compimento del sedicesimo anno: i ragazzi e le ragazze vengono sottoposti per legge a un'operazione di chirurgia plastica estrema, che corregge ogni minima sbavatura e li rende bellissimi, uguali a tutti i Perfetti. E la loro vita diventa un turbine di feste, vestiti, musica, luci, in cui la testa si perde. Per sempre. Tally sa che non è per sempre. Che c'è un modo di ricordare. Che deve fidarsi di chi la ama. Ci sono anche Perfetti che lo sono più degli altri. Sono loro che diventano Speciali. Lucidi, gelidi, implacabili macchine da guerra. Tally deve sapere chi è.

Il giardino degli eterni, Dolce veleno di Lauren DeStefano (2011), è il primo volume della trilogia distopica The Chemical Garden Trilogy e l’apprezzato romanzo d’esordio dell’autrice americana. Rhine ha sedici anni ed è bellissima. Ma è condannata a un destino terribile: morirà il giorno del suo ventesimo compleanno. E, come lei, tutti i ragazzi che vivono sulla Terra in un futuro non troppo lontano. Nel tentativo di trovare una cura per il cancro, infatti, un gruppo di scienziati ha finito per condannare la razza umana a una vita brevissima: vent’anni per le donne e venticinque per gli uomini.

Pastworld di Ian Beck (2011), è il primo romanzo per adolescenti di un autore inglese in cui in un futuro una grande Corporation per soddisfare le esigenze della popolazione ricca ed annoiata, trasforma Londra in un gigantesco parco a tema vittoriano. In esso vivono sia attori sia persone che credono di appartenere realmente all’età vittoriana

Hunger Games di Suzanne Collins (2009), primo volume di una trilogia ambientata in un futuro non precisato, dove il mondo che conosciamo non esiste più, è quello che una volta era il Nord-America, adesso è Panem, una società formata dalla capitale, Capitol City, ricca e moderna, e da dodici distretti, poveri e succubi della “città”. I distretti una volta erano tredici, ma l’ultimo distretto si è ribellato al potere della capitale ed è stato distrutto, e come punizione per aver favorito la ribellione, ogni anno vengono scelti due giovani per ogni distretto, maschio e femmina dai 12 ai 18 anni per partecipare ad un reality show, gli Hunger Games (i giochi della fame), dove i concorrenti devono uccidersi fra loro e vince chi sopravvive al massacro. Uno spettacolo ingiusto e crudele, ma nessuno può ribellarsi e chi lo fa viene ucciso o mutilato.

La foresta degli amori perduti di Carrie Ryan (2011), è l’apprezzato primo volume di una trilogia fanta-horror, post-apocalittica, distopica e romantica YA. Nel mondo di Mary ci sono delle semplici verità. La Congregazione delle Sorelle sa sempre cos’è meglio. I Guardiani proteggono e servono. Gli Sconsacrati non cederanno mai. E bisogna sempre sorvegliare il recinto che circonda il villaggio. Il recinto che protegge il villaggio dalla Foresta degli amori perduti e da coloro che la abitano, gli Sconsacrati. Ma poco a poco le verità di Mary crolleranno. Imparerà cose che non avrebbe mai voluto sapere sulle Sorelle e sui loro segreti, sui Guardiani e sul loro potere. E quando il recinto verrà aperto e il suo mondo cadrà nel caos, conoscerà gli Sconsacrati e il loro mistero.

Il domani che verrà di John Marsden (2011) Australia, contea di Wirrawee. Nella campagna vicino Melbourne la vita scorre lenta e monotona, ma otto ragazzi hanno trovato un modo di sconfiggere la noia che li assale ogni estate: una gita nella natura selvaggia del bush australiano. Macchina, bagagli, tende, provviste: è tutto pronto. La loro destinazione è Hell, un paradiso chiamato Inferno, una radura luminosa e isolata che sarà la loro casa per una settimana. Davanti al fuoco a raccontarsi storie, a scambiarsi i primi baci e leggere classici di altri tempi, i ragazzi non sanno che al ritorno la loro vita non sarà più la stessa. Le case vuote, gli animali domestici morti, un'aura di desolazione che avvolge ogni cosa. L'Australia è stata occupata da forze militari sconosciute e i civili sono scomparsi, costretti in enormi prigioni all'aperto: tra i detenuti ci sono i genitori, i fratelli e le sorelle. Sconfitte la paura e l'incertezza, l'angoscia e la fragilità, i ragazzi sceglieranno di combattere per riprendersi il proprio avvenire, sapendo che l'unica possibilità di salvezza è nelle loro mani. 


3 commenti:

  1. scusate, di chi è la prima immagine di questo articolo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao scusami se ti rispondo solo adesso, non mi ricordo di preciso in quale sito ho preso l'immagine, mi ricordo però che era uno sfondo per il desktop (sempre se la mia memoria non mi inganna). Se per caso conosci l'autore e questo non vuole che l'immagine venga esposta nel mio blog io provvederò a toglierla immediatamente :)

      Elimina
  2. "non mi inganni"!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...